Indirizzo di Saluto

Sono rimasto molto colpito dalla singolare densità del titolo del vostro appuntamento di oggi, in cui ricorrono cinque concetti fondamentali: Radici, Identità, Europa, Cittadinanza e Solidarietà. Ecco, io penso che gli studi che fate siano importanti, perché sapete che l’Europa non è un concetto così antico come noi crediamo. La parola Europa ricorre nel greco antico e si consolida in età romana. È la prima volta in cui si consolida il senso che oggi noi definiremmo “geopolitico” del termine. Eppure, voi, qui nel titolo non parlate solamente del processo politico di unificazione, qui si parla di radici e identità, che sono un concetto straordinario. Perché senza radici non si riesce a configurare un’identità. Per questo penso che il vostro lavoro sia importante, mi colpisce favorevolmente il fatto che dalla necessità della riscoperta delle radici e dell’identità si giunga alla finalizzazione di una nuova cittadinanza solidale. Questi sono concetti che fanno parte proprio di tutta la storia del pensiero occidentale; il concetto di Cittadinanza che matura con la modernità e il concetto di Solidarietà che è il termine sparito delle rivoluzioni moderne, degli ultimi duecento anni. Perché la Libertà è sempre più formale, di Eguaglianza non se ne vede traccia in un mondo in cui l’1% della popolazione detiene l’82% della ricchezza. La Solidarietà ovviamente, che sarebbe la Fraternità, non viene praticata più di tanto. Per questi motivi credo che questo tipo di riflessioni sia importante. Io vi auguro buon lavoro e sono convinto che anche questa riscoperta delle figure importanti sia fondamentale, per evitare di ritenere che Maritain sia un laterale sinistro della nazionale francese e Mounier magari un portiere.