Forum di Geopolitica AESI 2019

L’AESI da molti anni è impegnata ad approfondire e sviluppare, sia nei suoi Seminari di Studio e sia nelle sue numerose Missioni Internazionali, quelle tematiche della cooperazione e del dialogo necessarie per promuovere la Pace. L ’Unione Europea deve con urgenza portare avanti una politica estera comune che abbia al centro la “solidarietà”, come ha voluto sottolieneare il Presidente AESI nel suo breve incontro con il Presidente della Commissione Europea in occasione di un Convegno Internazionale presso Palazzo Vecchio a Firenze.

Inoltre l’AESI, con la sua presenza costante con delegazioni di giovani universitari presso le Organizzazioni Internazionali e, a tutto campo, nelle sedi della Diplomazia dei Paesi interessati agli scenari di crisi, desidera sottolineare l’importanza e l’urgenza di essere veri “artigiani della Pace” come sottolinea Papa Francesco :

Non è facile costruire questa pace evangelica che non esclude nessuno, ma che integra anche quelli che sono un po’ strani, le persone difficili e complicate, quelli che chiedono attenzione, quelli che sono diversi, chi è molto colpito dalla vita, chi ha altri interessi. È duro e richiede una grande apertura della mente e del cuore, poiché non si tratta di «un consenso a tavolino o [di] un’effimera pace per una minoranza felice», né di un progetto «di pochi indirizzato a pochi». Nemmeno cerca di ignorare o dissimulare i conflitti, ma di «accettare di sopportare il conflitto, risolverlo e trasformarlo in un anello di collegamento di un nuovo processo». Si tratta di essere artigiani della pace, perché costruire la pace è un’arte che richiede serenità, creatività, sensibilità e destrezza Esortazione Apostolica Papa Francesco “Gaudete et Exultate” N. 89

Un impegno alla costruzione della Pace che l’AESI chiede sia sempre più urgente e presente nella formazione universitaria delle nuove generazioni alla diplomazia e alle carriere internazionali ! Non possiamo nascondere che la “globalizzazione della indifferenza” ci ha portato spesso a promuovere una politica estera miope e chiusa alle necessità dei popoli. La competizione come garanzia del successo economico di una società in molti Atenei è purtroppo divenuto un obiettivo ed un modello di vita.

https://youtu.be/1vnF526XWxQ

(Subtitles in English)

Il tema invece della solidarietà e della collaborazione, per l’AESI è un valore fondante la cultura democratica di uno Stato nel quale si tutelano la dignità e i diritti della persona umana. Allora verrà naturale parlare di cooperazione e l’Università, attraverso i giovani, ha un grande ruolo in questo progetto di costruzione del futuro della umanità.  

------------------------------

For many years, AESI has been committed to deepening and developing, both in its Study Seminars and in its numerous International Missions, those themes of cooperation and dialogue necessary to promote Peace. The European Union must urgently pursue a common foreign policy that has "solidarity" at its center, as the AESI President wanted to emphasize in his brief meeting with the President of the European Commission on the occasion of an International Conference at Palazzo Vecchio in Florence .

Furthermore, the AESI, with its constant presence with delegations of young university students at the International Organizations and, across the board, in the offices of the Diplomacy of the Countries interested in crisis scenarios, wishes to underline the importance and urgency of being true “ Artisans of Peace "as emphasized by Pope Francis:

"It is not easy to build this evangelical peace that does not exclude anyone, but also integrates those who are a bit strange, difficult and complicated people, those who ask for attention, those who are different, those who are very struck by life, who has other interests. It is hard and requires a great openness of mind and heart, since it is not a question of "a desk consensus or [of] an ephemeral peace for a happy minority", nor of a project "of the few addressed to a few". Not even trying to ignore or conceal conflicts, but to "accept to endure the conflict, resolve it and turn it into a link in a new process". It is about being artisans of peace, because building peace is an art that requires serenity, creativity, sensitivity and dexterity Apostolic Exhortation Pope Francis "Gaudete et Exultate" No. 89

A commitment to the construction of Peace that the AESI calls for is increasingly urgent and present in the university formation of the new generations in diplomacy and international careers! We cannot hide the fact that the "globalization of indifference" has often led us to promote a short-sighted foreign policy that is closed to the needs of peoples. Competition as a guarantee of the economic success of a society in many universities has unfortunately become a goal and a model of life.

 https://youtu.be/1vnF526XWxQ

(Subtitles in English)

The theme instead of solidarity and collaboration, for the AESI is a founding value of the democratic culture of a State in which the dignity and rights of the human person are protected. Then it will be natural to talk about cooperation and the University, through the young, has a great role in this project of building the future of humanity.